HOMEVIDEO

CL SITO INTERNAZIONALE

HOMEVIDEO

CLOUSEAU Le indagini di uno strampalato poliziotto francese

di Luca Marcora

29/01/2009

La famosa saga dell'ispettore Clouseau, il poliziotto più sgangherato della storia del cinema, creato da Blake Edwards, che ispirerà poi la famosa serie animata omonima.
Perché segnalare La Pantera Rosa? Innanzitutto perché è assolutamente divertente; ma soprattutto perché, almeno nei primi due episodi, prima che la serie scivoli verso un grottesco sempre più fantasioso e incontrollabile, Clouseau è il perfetto e paradossale esempio dell'uomo di oggi che si muove con l'handicap del "distacco tra ragione ed esperienza". Genialmente interpretato dal grande Peter Sellers, il "grande" ispettore è, infatti, nella migliore tradizione di Buster Keaton, in perenne lotta con la realtà, nella quale impatta con esiti sempre cataclismatici (e quindi strepitosi dal punto di vista comico): tutto ciò che gli capita tra le mani è usato nella maniera più sbagliata, fosse una stecca da biliardo o l'interruttore di una luce, come se fosse incapace di utilizzare l'oggetto per lo scopo per cui è stato realizzato. Il suo utilizzo della ragione è poi qualcosa di drammaticamente ridicolo: le indagini procedono tenendo conto dei "fatti" la cui analisi porta sempre a conclusioni così strampalate da essere il perfetto ribaltamento, secondo il suo capriccio, di quanto la realtà gli suggerisce. Così facendo, procede nelle sue indagini ritenendosi un genio e ottenendo risultati positivi solo per puro caso, facendo infuriare ed impazzire il suo diretto superiore Dreyfuss.
Clouseau è l'esempio perfetto, demenziale, dell'uomo moderno che ha dimenticato come si fa a sottomettere la ragione all'esperienza e i film sono dei classici senza età capaci ancora oggi di divertire in maniera intelligente.

La Pantera Rosa
Film Collection (6 dvd ma disponibili anche singolarmente)
di Blake Edwards (1964-1982)


Pagina:  1  2  3  4  5 

Credits / © Soc. Coop. Editoriale Nuovo Mondo Via Porpora 127, 20131 Milano P.I. 02924080159 / © Fraternità di Comunione e Liberazione per i testi di Luigi Giussani e Julián Carrón / Note legali