Dal cuore del Conclave

di Andrea Milanesi
19/12/2014 - L'etichetta Deutsche Grammophon esce con un doppio cd. Protagonista d'eccezione: la Cappella Musicale Pontificia. Tra le tracce, le musiche e i corali che hanno accompagnato il percorso culminato, nel 2013, con l'elezione di papa Francesco
La copertina di ''Habemus Papam''.

La copertina di ''Habemus Papam''.

Con un progetto discografico “da collezione”, l’etichetta Deutsche Grammophon si è spinta là dove mai nessuno prima aveva mai osato; nelle segrete stanze di un Conclave, e in particolare di quello che nel 2013 ha consacrato Papa Jorge Mario Bergoglio. Tutto si è comunque svolto nel massimo rispetto di ogni regola del protocollo, anzi con l’imprimatur suggellato dalla presenza delle massime autorità artistiche vaticane; protagonista del doppio cd intitolato Habemus Papam è infatti la Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, la più antica istituzione corale del mondo, interprete principale delle musiche connesse ai riti e alle funzioni Papali.

Diretti da monsignor Massimo Palombella, i cantori hanno accompagnato tutte le celebrazioni del Conclave per l’elezione di papa Francesco, dalla Messa per l’Elezione del Romano Pontefice (Basilica di San Pietro, 12 marzo 2013) all’ingresso in Conclave (Cappella Sistina, 12 marzo 2013), dalla Messa con i Cardinali elettori (Cappella Sistina, 14 marzo 2013) alla Messa per l’inizio del Ministero Petrino (Piazza San Pietro, 19 marzo 2013). Il secondo cd riporta anche l’annuncio della nomina “Habemus Papam” e il primo discorso del Pontefice dalla Loggia delle Benedizioni subito dopo: quei dieci memorabili minuti in cui l’Arcivescovo argentino venuto «quasi dalla fine del mondo» ha conquistato da subito tutti gli uomini di fede, e non solo.

Ogni parola e ogni nota sono state registrate (e trasmesse a suo tempo) da Radio Vaticana, mantenendo intatta l’immediatezza e l’emozione garantite dalla “presa diretta”, testimoniata da rumori di fondo, colpi di tosse, scatti di macchine fotografiche e perfino da un elicottero che sorvola Piazza San Pietro. Si tratta del primo di una serie di progetti discografici nati dall’accordo esclusivo tra l’etichetta Deutsche Grammophon e la Cappella Pontificia, che prevede la pubblicazione di due diverse collane: la prima è incentrata sui “grandi eventi ecclesiali” (con le musiche registrate dal vivo durante le funzioni liturgiche presiedute da Papa Francesco) mentre la seconda consiste in una serie di incisioni in studio dedicate al repertorio che nel corso dei secoli è stato scritto per le celebrazioni Papali.

L’eccezionale valore documentario di questa prima uscita è accresciuto dall’assoluta rilevanza del portato artistico, culturale e spirituale dell’iniziativa, testimoniata dall’esecuzione di alcuni capolavori della storia della musica sacra firmati dai grandi maestri del passato e del presente, da Palestrina, Guerrero e Bach a Perosi, Molfino e allo stesso Palombella, che in questi termini riassume la missione della sua formazione corale: «La Cappella Sistina svolge un servizio ecclesiale: deve custodire il grande patrimonio musicale della Chiesa e deve conoscere le proprie radici per poter dialogare con la modernità».

Habemus Papam
Deutsche Grammophon
Universal (2 Cd, 2014)